Caserta, ragazzina seviziata e stuprata: arrestati la madre e il compagno


Legata al letto e colpita con una cinghia e con acqua gelata, chiusa in una stanza buia e bastonata sin da bimba, e poi appena 12enne stuprata dal compagno della madre. La ragazzina si è salvata raccontando l'orrore subito alla sua insegnante, che prima si è rivolta alla madre, ma visto che quest'ultima non le credeva, ha chiamato la polizia. Dalla denuncia dell'insegnante sono scattate le indagini della Procura di Santa Maria Capua Vetere nel casertano che hanno portato all'arresto della madre e del compagno, entrambi 37enni. L'uomo è finito in carcere, mentre la donna è ai domiciliari.
I due sono stati rintracciati in una città di confine in Francia, dove avevano trovato rifugio e si erano provvisoriamente stabiliti, forse per far perdere le loro tracce. Entrambi rispondono del reato di maltrattamenti in famiglia aggravati ai danni della figlia minore della donna, reato commesso a Cellole e Mondragone da quando la bimba aveva 8 anni e fino al gennaio 2015.
Le indagini, affidate alla Squadra Mobile di Caserta, hanno fatto emergere un quadro di abusi e vessazioni che la donna e il suo convivente avevano posto in essere ai danni della bimba, spesso agendo con crudeltà. In altre circostanze la bambina è stata costretta a mangiare separatamente dalla madre e dal suo compagno, con pietanze e stoviglie diverse da quelle da loro utilizzate. Alla piccola veniva inoltre impedito di vedere i parenti materni, ai quali era molto legata.

L'uomo deve rispondere anche del reato di violenza sessuale aggravata nei confronti della minore, costretta a subire rapporti sessuali sin dall'età di 12 anni. Gli arrestati si erano resi irreperibili da aprile, quando è stata emessa l'ordinanza di custodia cautelare richiesta dalla Procura.

Le indagini hanno consentito di localizzarli in Francia; a loro carico è stato quindi emesso un mandato di arresto europeo eseguito con la collaborazione dell'Interpol il 31 luglio. Questa mattina i due indagati sono stati consegnati dalle autorità francesi alla frontiera di Bardonecchia, dove erano attesi dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta per l'esecuzione dell'ordinanza. Fonte Adnkronos

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07