Statali: addio al posto fisso e agli scatti di anzianità

Il posto fisso e gli scatti di anzianità, due delle certezze degli statali potrebbero presto sparire. Ma non solo. i dipendenti in eccedenza rispetto alle risorse disponibili o ai compiti dell'ufficio potrebbero essere licenziati. E si prevedono visite fiscali automatiche per chi si assenta di venerdì. Sono queste le principali novità della bozza del nuovo testo unico sul pubblico impiego, prossimo atteso step della riforma Madia approvata un anno fa.
Nelle 133 pagine del documento, bollate ancora con un "top secret", come riporta il Corriere.it, crollano in sostanza tutta una serie di certezze che fino ad oggi hanno caratterizzato il posto statale, rendendolo più sicuro (e agognato) di quello privato.

Nel decreto elaborato dai tecnici del governo, è previsto quello che si profila con un vero e proprio addio al posto fisso per i dipendenti dello Stato. Annualmente, prevede il documento, tutte le amministrazioni dovranno comunicare al ministero le "eccedenze di personale" sulla base delle reali "esigenze funzionali" o della situazione finanziaria, ossia, in parole povere, i dipendenti che non servono più o che il bilancio non consente di tenere. Tali "eccedenze" potranno essere subito spostate in altro ufficio (nel raggio di 50 chilometri) attraverso il ricorso alla mobilità obbligatoria, ovvero messe "in disponibilità", il che significa che non lavoreranno percependo comunque l'80% dello stipendio oltre ai contributi per la pensione. Questa situazione potrà durare non più di due anni e se nell'arco del biennio non troveranno altro posto disponibile, anche accettando un demansionamento e un taglio dello stipendio, il rapporto si intenderà definitivamente risolto.
Al fine di far rispettare le nuove regole, il testo prevede inoltre lo stop alle assunzioni (per l'ente che ha gli esuberi) e l'apertura di un procedimento disciplinare per il dirigente che non effettua la segnalazione.
Gli scatti d'anzianità
Ad essere cancellati per sempre dal nuovo testo unico saranno anche gli aumenti automatici degli stipendi a seguito degli scatti d'anzianità. I dipendenti pubblici, in toto, saranno valutati dai loro dirigenti annualmente in base al lavoro svolto. E solo i "migliori", ossia chi otterrà la "pagella" con i voti più alti potrà vedere un aumento nello stipendio, a seconda delle risorse disponibili dell'ufficio. L'aumento potrà essere assegnato in ogni caso a non più del 20% dei dipendenti per ogni amministrazione.
Visite fiscali e buoni pasto
La bozza contiene altre numerose novità. Tra queste: la visita fiscale che scatterà in automatico per tutti coloro che si assenteranno per malattia il venerdì, o nei giorni prefestivi, e un procedimento disciplinare accelerato sull'esempio di quello previsto per i furbetti del cartellino. Previsto inoltre l'addio all'indennità di trasferta e l'erogazione di buoni pasto dell'importo di sette euro al giorno, uguale per tutti. Infine, obbligo della conoscenza della lingua inglese quale requisito per i concorsi pubblici.

Fonte: Statali: addio al posto fisso e agli scatti di anzianità
(www.StudioCataldi.it)


2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07