San Giorgio a Cremano street control vigile elettronico fa 6 multe al minuto

Si chiama Street Control ed è uno strumento innovativo, ad alta tecnologia, elaborato per il controllo della viabilità e della sicurezza stradale adottato dalla polizia municipale di San Giorgio a Cremano, nel Napoletano. Street Control parte su tutto il territorio cittadino con un dispositivo più efficiente contro le violazioni al codice della strada. Una telecamera, ad alta definizione, montata sull'auto di servizio della Municipale riprende la targa e il luogo dove si trovano le auto e consente la rilevazione di illeciti al codice della strada in piena mobilità, attraverso l'uso di smartphone e tablet. La compilazione dell'avviso - spiegano dal Comune - viene integrata con informazioni fornite dalle banche dati, così che in tempo reale sarà possibile rilevare se le auto posseggono assicurazione e revisione o se sono oggetto di furto. Il dispositivo consente ai vigili urbani anche di riprendere la targa delle automobili in sosta selvaggia e di elevare contravvenzioni in movimento, nel caso in cui non vi sia a bordo nessuno. Street Control è attivo anche di notte grazie ad un sistema infrarossi ed eleva fino a sei multe al minuto. «È uno strumento innovativo già adottato nelle grandi città italiane che costituisce un valido aiuto all'agente di polizia, il quale dovrà cercare, dopo aver accertato la violazione, il trasgressore per contestargli l'infrazione. L'obiettivo - dice il sindaco Giorgio Zinno - è ridurre drasticamente il numero di violazioni, soprattutto quelle dovute a parcheggi in doppia fila, sui marciapiedi e davanti agli scivoli per disabili che creano intralcio alla circolazione e quindi problemi di traffico. Incrementeremo i controlli sul tutto il territorio per garantire il rispetto delle regole». Con lo street control le auto vengono multate velocemente e questo sistema viene utilizzato per contrastare le soste selvagge ma le multe emesse sono annullabili se non si verificano alcune condizioni: 1)- lungo il tratto di strada in cui si rileva l’infrazione deve esserci un cartello di divieto di sosta; 2)- il conducente non deve essere a bordo dell’auto, altrimenti si parla di fermata e non di sosta e la multa non può essere applicata; 3)-il conducente non deve essere nelle immediate vicinanze del veicolo altrimenti la multa deve essere immediatamente notificata dagli agenti al conducente. Sulle contestazioni delle multe si esprimeranno di volta in volta gli organi competenti. Per ovviare a tutto ciò la soluzione migliore sarebbe, naturalmente quella di non parcheggiare l’auto in divieto di sosta ma di rispettare la segnaletica e gli appositi spazi di parcheggio.Fonte:Il Mattino
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07