Le 10 cose più assurde che le persone chiedono a Google

Fin dai tempi antichi l'uomo si è posto domande. Poi è arrivato Google. Il motore di ricerca più famoso di sempre ha ormai sostituito gli almanacchi dei maghi, consultato in rarissime sedute spiritiche, la palla 8, che rispondeva ai quesiti più assurdi. Per farvi capire la potenza di internet, neanche il libro delle risposte, quel tomo gigantesco che ognuno di noi ha nella sua libreria che ogni volta riusciva a diradare dubbi e perplessità (senza apparenti ragioni), è stato in grado di reggere il confronto con la barra bianca e il "cerca su Google". E se prima le domande, anche quelle più stravaganti, restavano un inconfessabile scheletro nell'armadio, da confidare solo in punto di morte, oggi con la "memoria digitale" le cose sono cambiate. Il sito inglese Digitaloft ha raccolto alcune delle domande più esilaranti chieste a Google dai britannici e Skuola.net le ha pubblicate. Preparatevi a farvi grosse risate, si passa dalle richieste più assurde del tipo "come torno a casa" alle classiche domande esistenzialiste tipo "quando morirò?".
10. "Sono incinta?" In effetti avevamo dimenticato che Google è così intelligente da aver implementato un test di gravidanza nei suoi sistemi.
9. "Gli uomini possono restare incinti?" Certo che i maschietti a volte sono incorreggibili. Non bastava già la loro totale incapacità a mettere in ordine, cucinare qualcosa di commestibile ed esprimere sentimenti che siano paragonabili a quelli di un essere umano evoluto, no, dovevano anche sottolineare il loro brillante acume e levare ogni dubbio sulle loro competenze di essere umani pensanti. E in ogni caso, a meno che la scienza non dimostri il contrario nei prossimi 4 triliardi di anni, gli uomini non possono rimanere incinti.
8. "Come torno a casa?" Per fare una domanda del genere ci sono due possibilità. O sei appena uscito da un rave di 74 ore in cui le uniche parole di senso compiuto che hai sentito sono state il "BUM BUM" delle casse, oppure sei stato rapito dagli alieni che ti hanno esportato parte del cervello.
7. "I vermi hanno gli occhi?" Certo perché effettivamente saperlo potrebbe cambiare radicalmente il volto della nostra esistenza. Sono le classiche risposte che potrebbero rivoluzionare completamente la vita e dare avvio a una rivoluzione esistenziale.
6. "I maiali sudano?" Probabilmente a spingere molti a porsi questa domanda è il paragone che spesso si fa quando la gente suda. Effettivamente potrebbe avere senso un quesito del genere. La morale è, invece di fare domande a Google: lavatevi, soprattutto se andate sui mezzi pubblici, o state in mezzo ad un gruppo di persone.
5. "I pinguini hanno le ginocchia?" E' lecito pensare che tutti noi almeno una volta ce lo siamo chiesto. Più o meno da quando passavamo i pomeriggi a guardare "Pingu". Certo oltre a domandarci se avesse le ginocchia, ci siamo anche sempre chiesti cosa diavolo dicesse quando muoveva quel becco da polaretto.
4. "Perché l'auto non parte?" Provato a girare la chiave?
3. "Quando morirò?" Se fai domande del genere: speriamo il più presto possibile!
2. "Sono uno psicopatico?" Se fai queste domande si!
1. "Cosa devo fare della mia vita?" Fare domande del genere denota due tipi di problemi: o hai bisogno dello psicologo oppure devi smetterla di giocare ai pokémon e farti due amici.
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07