Il giallo di Yara, oggi la sentenza per Bossetti: ​ecco le prove

Il DNA sui vestiti di Yara, il suo furgone immortalato nei pressi della palestra frequentata dalla 13enne e nessun alibi. Sono questi gli elementi che hanno incastrato Massimo Bossetti. In attesa della sentenza di oggi "Giallo" fa il punto sulla situazione. Durante le indagini, più volte, il muratore ha parlato di complotto e di prove pilotate contro di lui ma durante il processo è stato scientificamente smentito, in modo particolare dalla prova del DNA. Anche le prove con i filmati del furgone, secondo i giudici, non lasciano molto all'interpretazione e da alcuni frame emergerebbe anche la figura di Yara. La stessa moglie, Marita, avrebbe aiutato a incastrarlo dicendo di non avere idea dove si trovasse le ore in cui la 13enne è scomparsa. Le indagini su Bossetti sembrano incastrarlo, ma il muratore ha continuato a ribadire la sua innocenza e la sua calma, come riporta il suo avvocato. Domani in mattinata la sentenza che potrebbe costargli anche l'ergastolo. Fonte: Il Mattino
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07