Delitto Yara, ergastolo per Bossetti

Dura meno di 4 minuti la lettura della sentenza che condanna Massimo Bossetti alla pena dell’ergastolo, ritenendolo responsabile del reato di omicidio volontario aggravato dalla minorata difesa della vittima e dalle crudeltà e dalle sevizie. Bossetti dovrà risarcire anche un milione di euro alle parti civili rappresentate dai genitori e dai fratelli e sorelle di Yara. Inoltre la Corte d’Assise ha stabilito l’interdizione legale dell’intera durata della pena e la sospensione della potestà genitoriale. 
Bossetti, viene assolto dal reato di calunnia, cioè dall’aver accusato del delitto un suo compagno di lavoro, perchè il fatto non sussiste. Massimo Bossetti ha assistito impietrito alla lettura della sentenza e ha alzato gli occhi al cielo quando è stata pronunciata la parola «ergastolo». In aula era presente anche la moglie Maria Comi che si è allontanata poi con gli avvocati. 
Erano tre le possibili ipotesi: ergastolo con isolamento diurno per sei mesi come chiesto dal pm Letizia Ruggeri, una condanna “ammorbidita” da possibili attenuanti per il muratore incensurato o l’assoluzione. Fonte La stampa

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07