'Asini' o primi della classe, test del Dna predice i risultati a scuole

E' intelligente, ma non s'impegna? Forse la colpa di risultati scolastici non proprio brillanti è invece colpa del Dna. Uno studio condotto dai ricercatori del King's College di Londra promette di riuscire a prevedere i risultati accademici di uno studente, semplicemente a partire dal codice genetico. Gli scienziati hanno messo a punto una nuova tecnica che aiuta a identificare i bambini a rischio di difficoltà di apprendimento. E, secondo gli autori, si tratta del tipo di previsione più precisa finora disponibile di un comportamento a partire dal codice genetico. Il lavoro, pubblicato su 'Molecular Psychiatry', rimbalza sulla stampa britannica.

Lo studio mostra che un punteggio genetico che tiene conto di 20mila varianti del Dna spiega almeno il 10% delle differenze tra i risultati scolastici degli studenti all'età di 16 anni. Più in dettaglio, la ricerca ha esaminato 10 milioni di polimorfismi di singolo nucleotide (Snps), identificando 74 varianti genetiche associate in modo significativo con gli anni di studio accumulati. I ricercatori hanno misurato i risultati accademici in Matematica e Inglese all'età di 7, 12 e 16 anni in un campione di 5.825 gemelli. Scoprendo che l'elemento che diversifica i risultati degli studenti a scuola è fortemente legato alle differenze del Dna. Fonte Adnkronos


2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07