Alzheimer, si capisce anni prima se cambia il comportamento

Mettere a punto una sorta di pre-diagnosi del morbo di Alzheimer che, anche decenni prima della vera manifestazione del morbo, ne identifichi i prodromi caratteristici grazie ad una lista di sintomì tipici: è questa la proposta di alcuni dei top esperti internazionali della malattia, riuniti alla conferenza in corso a Toronto in Canada. In particolare, la nuova 'sindromè si chiamerebbe 'Mild Behavioral Impairment' ('Lieve invalidità comportamentalè) e
si baserebbe su evidenti cambiamenti nella personalità e nei comportamenti degli individui, quali espressioni più frequenti di frustrazione o incapacità ad esprimersi con chiarezza, o difficoltà varie che però non interferiscono ancora con la generale autonomia degli individui
«La verità - ha osservato Zahinoor Izmail, neuropsichiatra dell'università di Calgari - è che i cambiamenti emotivi e
comportamentali nei malati sono un 'sintomo fantasmà della complessa patologia rappresentata dalla demenza». Gli ha fatto eco Nina Silverberg dell'Istituto nazionale sull'invecchiamento:«Sappiamo ormai da anni di ricerca che l'Alzheimer inizia come un problema di comportamento e personalità, non di memoria come generalmente ritenuto».Per alcuni però c'è il rischio di esagerare con la pre-diagnosi e creare altri tipi di problemi. Fonte Leggo


2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07