Omicidio del piccolo Loris: "Ecco qual è stato il movente"

L'udienza del processo a Veronica Panarello è iniziata questa mattina a Ragusa,  davanti al Gup Andrea Reale.

La donna è accusata di aver ucciso il figlio Loris, di 8 anni, strangolandolo nella loro casa di Santa Croce Camerina, il 29 novembre del 2014, e poi di avere gettato il corpicino nel canalone di contrada Mulino Vecchio.

Al centro dell'udienza la perizia disposta dal Gup che ha stabilito che la donna è in grado di intendere e volere e lo era anche ai momenti dei fatti. Una tesi non condivisa dai periti nominati dell'avvocato Francesco Villardita, che difende l'imputata. Mentre è condivisa dai consulenti delle parti civili: il marito di Veronica, Davide Stival, difeso dall'avvocato Daniela Scrofani, e dal suocero Andrea Stival, assistito dall'avvocato Francesco Biazzo, che la donna ha accusato di avere ucciso il bambino perché voleva rivelare la loro relazione. I due sono in aula. Come Veronica Panarello, che è entrata, vestita di nero, accompagnata dalla polizia penitenziaria. Per l'accusa sono presenti il procuratore Carmelo Petralia e il sostituto Marco Rota. Fonte Leggo


2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07