Le decisioni importanti? È meglio prenderle a stomaco vuoto.

Il luogo comune è che a pancia piena si ragiona meglio, ma secondo uno studio condotto da ricercatori olandesi, in realtà sarebbe l’esatto contrario, e la fame stimolerebbe una maggiore capacità di effettuare migliori decisioni strategiche, in particolare quando l’esito delle decisioni che si prendono è incerto.
I ricercatori hanno chiesto ad un gruppo di volontari di digiunare per una sera e la mattina dopo, quando si sono presentati in laboratorio, ad alcuni è stata servita una colazione mentre ad altri no. Tutti sono stati sottoposti all’Iowa Gambling Task, un test psicologico basato sul gioco d’azzardo (dall’inglese gambling), utilizzato per osservare i meccanismi decisionali della mente umana nella vita reale.
Dai risultati è emerso, un po’ anche contro le aspettative degli stessi ricercatori, che chi era affamato faceva scelte più vantaggiose e ottenevano performance migliore di chi era sazio. La fame stimola l’ingegno, dunque, ma non solo nella ricerca di vantaggi immediati (per “riempire lo stomaco” insomma): chi era affamato infatti tendeva ad evitare scelte svantaggiose nel lungo termine, anche nei casi in cui queste fornivano un beneficio immediato anche significativo. Fonte Notizie del mondo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07