Teresa e Trifone, svolta nel delitto di Pordenone: indagato militare campano


A 6 mesi dal delitto dei fidanzati di Pordenone, finalmente c'è la prima svolta. E nella notte la Procura avrebbe iscritto un uomo nel registro degli indagati al quale è stato notificato ieri sera l'avviso di garanzia.

E' un commilitone campano di Trifone di 26 anni, G.R., residente a Pordenone, ma ancora non è stato rivelato il nome e non sarebbe ben chiaro il movente.

L'indagato sarebbe un ex coinquilino di Trifone Ragone. Vivevano insieme ad altri colleghi in un appartamento di Pordenone, prima che la vittima si trasferisse a convivere nel condominio di Via Chioggia, assieme a Teresa Costanza, pochi mesi dopo averla conosciuta. Il militare di 26 anni indagato non avrebbe un alibi per la sera e l'ora del delitto. Lo apprende l'ANSA da fonti investigative. L'uomo, che nel corso di questi sei mesi è stato ripetutamente sentito dagli investigatori, ha sempre affermato di trovarsi nella propria abitazione, da solo.
Il caricatore ripescato nel laghetto del parco di San Valentino è compatibile con la vecchia Beretta 7,65 utilizzata per tendere l’agguato la sera del 17 marzo al caporal maggiore Trifone Ragone e alla sua fidanzata Teresa Costanza. La conferma è arrivata ieri. «In questo momento - hanno riferito in procura - siamo concentrati in una direzione molto precisa». C’è dunque un sospettato che farebbe escludere qualsiasi altra pista.
L’incontro tra magistrati e Carabinieri ieri è durato oltre due ore. C’è ottimismo, ma c’è ancora tanto lavoro da fare e tanti tasselli che devono andare perfettamente al loro posto. Si stanno analizzando a fondo elementi e indizi che hanno portato a scandagliare il laghetto del parco di San Valentino a sei mesi esatti dal delitto e, di conseguenza, a imboccare una determinata direzione.
Sul luogo del delitto l’unica traccia trovata restano i sei bossoli calibro 7,65. Quella sera il killer - che si è mosso nel buio parcheggio della palestra rapidamente e con una lucidità tale che in tanti hanno pensato a un professionista del crimine - è incredibilmente riuscito a uccidere senza lasciare tracce, farsi vedere dagli sportivi che stavano a pochi metri da lui, che hanno scambiato gli spari per petardi e non si sono accorti di presenze sospette.
Il caricatore ripescato nel laghetto è un modello monofilare che contiene più di sei colpi. Significa che l’assassino lo ha scaricato quasi completamente, che voleva essere sicuro di uccidere, cosa che ha fatto dimostrando sicurezza e abilità nel maneggiare la pistola. Una pistola Beretta realizzata prima della seconda Guerra mondiale, un ferro vecchio che in molti hanno definito la "pistola del nonno". Lo stesso procuratore Martani a suo tempo aveva sottolineato che l’arma avrebbe potuto anche incepparsi. Fonte Il Mattino
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07