Tuo fratello maggiore è più intelligente di te? Ecco perché

Tuo fratello maggiore è più intelligente di te? Ecco perché
Ti senti meno brillante di tuo fratello maggiore? Hai ragione (ma non è colpa tua!): a confermarlo è una ricerca che, analizzando 250 mila QI, ha scoperto che la causa è educativa, non biologica.
I primogeniti hanno, nella media, un QI di 2,3 punti più alto rispetto al secondogenito. Il QI è un "misuratore dell'intelligenza" introdotto all'inizio del '900 ed è stato molto utilizzato in passato: oggi viene ritenuto un sistema di valutazione troppo limitato.
I primogeniti, nella media, sono più intelligenti. Un ricercatore dell'Università di Oslo dimostra che questa non è un'opinione, ma un fatto appurato. Peter Kristensen, questo il nome del ricercatore (tra l'altro, secondogenito), ha analizzato i test di intelligenza condotti su un campione di 250 mila maschi tra i 18 e i 20 anni e ha verificato che il valore dei QI diminuiscono con il diminuire dell'ordine di nascita: secondo quella ricerca, i primogeniti hanno in media un grado di intelligenza di 2,3 punti maggiore rispetto ai fratelli più giovani.
LA COLPA È DEI GENITORI I figli minori sono dunque meno dotati? Il punto non è questo: Kristensen sostiene che non è l'ordine di nascita a fare la differenza, bensì l'ordine educativo scelto dai genitori, che privilegiano i figli nati prima, dedicando loro un investimento maggiore di tempo, cure e attenzioni.
I dati analizzati lo dimostrano: i figli nati per secondi ma cresciuti come primogeniti, per esempio perché il fratello maggiore era morto da piccolo, risultano avere quoziente intellettivo più alto. Lo stesso accade nel caso di terzogeniti con entrambi i fratelli maggiori deceduti, e in questo caso il loro QI medio risulta addirittura più alto di quello di un primogenito.
A fare la differenza è, quindi, l'essere "educati da primogeniti". Il divario educativo si accentua nel caso di famiglie numerose, dove la differenza di QI tra il primo e l'ultimo figlio è di ben 2,9 punti.
Tuo fratello maggiore è più intelligente di te? Ecco perché
Ti senti meno brillante di tuo fratello maggiore? Hai ragione (ma non è colpa tua!): a confermarlo è una ricerca che, analizzando 250 mila QI, ha scoperto che la causa è educativa, non biologica.
LA COLPA È DEI GENITORI I figli minori sono dunque meno dotati? Il punto non è questo: Kristensen sostiene che non è l'ordine di nascita a fare la differenza, bensì l'ordine educativo scelto dai genitori, che privilegiano i figli nati prima, dedicando loro un investimento maggiore di tempo, cure e attenzioni.
I dati analizzati lo dimostrano: i figli nati per secondi ma cresciuti come primogeniti, per esempio perché il fratello maggiore era morto da piccolo, risultano avere quoziente intellettivo più alto. Lo stesso accade nel caso di terzogeniti con entrambi i fratelli maggiori deceduti, e in questo caso il loro QI medio risulta addirittura più alto di quello di un primogenito.
A fare la differenza è, quindi, l'essere "educati da primogeniti". Il divario educativo si accentua nel caso di famiglie numerose, dove la differenza di QI tra il primo e l'ultimo figlio è di ben 2,9 punti. 
I valori del QI decrescono con l'ordine di nascita (i punti neri); se il secondogenito perde il fratello maggiore (azzurro), il suo QI è più alto. Se un terzogenito perde i suoi 2 fratelli maggiori, il suo QI arriva a superare il livello di un primogenito (viola).
ECCEZIONI ALLA REGOLA Per fortuna non sempre solo i figli più grandi si godono il meglio dell'educazione famigliare. C'è anche chi, ultima di 5 figli, già all'età di 2 anni ha suscitato addirittura l'interesse del "Mensa", associazione internazionale che riunisce le persone con più alto QI.
La bimba, inglese, si chiama Georgia: all'apparenza è una bambina come tutte le altre, ma il suo quoziente di intelligenza è di 152, pari a quello del fisico Stephen Hawking. A due anni sapeva contare, distinguere le sfumature di colore, imaparava una seconda lingua... Nel suo caso, però, pare che le minori attenzioni dei genitori siano state sostituite da quelle dei fratelli maggiori, che l'hanno fatta crescere in un ambiente decisamente molto stimolante. Fonte Focus
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07