Psicologo uccide i genitori a causa della morte del gatto

Ha ucciso i genitori a colpi d'ascia perché avevano riso di lui dopo la morte del gatto. Il fatto è avvenuto in Tasmania e il protagonista è uno psicologo specializzato in conflitti familiari. Il duplice omicidio risale al 30 agosto dello scorso anno ma Stephen Alexander Harper, di 44 anni, oggi si è riconosciuto colpevole davanti alla Corte suprema di Launceston. Era specializzato nel gestire i conflitti familiari, ma la maniera in cui ha risolto il suo è stata a dir poco drastica. Secondo quanto riferito dal pubblico ministero John Ransom alla corte, i due anziani, Roderick di 88 anni e Helene di 77, sono stati ripetutamente colpiti alla testa con un'ascia. La loro colpa? Aver preso in giro il figlio distrutto per la morte del suo adorato gatto: lo psicologo non ci ha visto più e si è fatto vendetta a suo modo. Fonte: TgCom

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07