Torna a casa e trova la moglie morta con il nastro alla gola

Trova la moglie senza vita a casa e dà l’allarme al 118. Dovrebbe trattarsi di suicidio, il condizionale è d’obbligo, però, perchè sarà l’autopsia, lunedì, a fugare ogni dubbio. Lo ha disposto il sostituto procuratore della repubblica di Vasto, Enrica Medori, che, con i carabinieri, indaga sul giallo di ieri. Giallo, sì, perché per più di quattro ore il marito e i familiari di Concetta, questo il nome della donna morta, hanno pensato al delitto.

Tutto è cominciato poco prima delle 13, quando, appena rientrato a casa, in un appartamento di via Martiri della Violenza, a Vasto, il marito ha trovato Concetta, 57 anni, priva di vita. Attorno al collo, un cappio di nastro adesivo, quello che avrebbe provocato soffocamento e decesso della donna, madre di due figli ora distrutti dal dolore assieme al loro papà. Sul posto, dopo l’allarme dato dal coniuge, è giunta subito l’ambulanza del 118. Nella via, al civico 5, condominio Primavera, sono piombati i carabinieri con il tenente Domenico Fiorini per le indagini. Il passare delle ore, il silenzio degli investigatori, giustamente prudenti, hanno alimentato gli interrogativi. Fonte Il mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07