Scoperto squilibrio ormonale dietro voglia di abbuffate

La voglia di abbuffarsi puo' essere provocata da uno squilibrio ormonale. Bassi livelli di GLP-1 (glucagon-like peptide-1) sono legati a una preferenza per cibi grassi e al mangiare per piacere e non per fame. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio della Rutgers University (Usa), pubblicate sulla rivista Cell Reports. I topi a cui e' stato ridotto GLP-1 nel sistema nervoso centrale hanno mangiato piu' cibo ad alto contenuto di grassi. Quando invece l'ormone e' stato aumentato, i topi hanno mangiato di meno sono risultati meno attratti dai cibi grassi. I peptidi GLP-1 sono piccole sequenze di amminoacidi che hanno varie funzioni, tra cui quella di regolare l'alimentazione. Sono secreti dalle cellule dell'intestino tenue e del cervello, al quale segnalano quando il corpo e' pieno. Finora non era chiaro come GLP-1 contribuisse alla regolazione dell'appetito. Ora pero' gli scienziati hanno suggerito che, mirando ai neuroni del circuito di ricompensa del cervello, noto come sistema sistema dopaminergico mesolimbico, e non a tutto il corpo, potrebbe essere un modo efficace per controllare l'eccessivo consumo di cibo e l'obesita'. Secondo i ricercatori, questi risultati potrebbero essere significativi anche nell'affrontare la tossicodipendenza e l'alcolismo. Fonte Agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07