La rabbia indotta equivale a visitare un ufficio pubblico

Che piaccia o no, la rabbia è una parte concreta della vita quotidiana, ed è dimostrato che ciò ha effetti sulla nostra salute. Ma come avviene questa dimostrazione? Come si fa uno studio scientifico, in ambiente controllato, su quali sono gli effetti fisiologici della rabbia? E’ necessario che i ricercatori inducano “scientificamente” la rabbia.
L’aspetto curioso è che per indurre la rabbia, i ricercatori sembra abbiano preso spunto dai servizi che curano ben poco i rapporti con il pubblico, ed in particolare la DMV, la motorizzazione americana, che ha una reputazione decisamente negativa in merito.
Ad esempio, in uno studio sugli effetti cardiovascolari della rabbia, uno sperimentatore entrava nella stanza dove il soggetto era sottoposto al test un minuto dopo l’inizio, dicendo che il test doveva ricominciare perché il soggetto non aveva svolto il suo compito correttamente, aggiungendo che questo doveva concentrarsi e stare seduto correttamente. Dopo un altro minuto, tramite interfono venivano fatti dei commenti irritati, come “non puoi stare fermo? Abbiamo già perso tempo!”, oppure “non va bene, premi il pulsante di nuovo”. La cosa riusciva regolarmente ad irritare profondamente i volontari che partecipavano al test. Fonte Notizie del mondo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07