Elena Ceste: pg Cassazione, ok carcere per il marito

Va confermata la custodia cautelare in carcere per Michele Buoninconti, accusato di aver ucciso la moglie , Elena Ceste, e di averne occultato il cadavere. Questa la richiesta avanzata dal pg di Cassazione, Gisueppe Corasaniti, ai giudici della Prima sezione penale, chiamati a decidere se accogliere o meno il ricorso presentato dalla difesa contro l'ordinanza con cui il Tribunale del Riesame di Torino, il 16 febbraio scorso, confermo' il carcere per l'Uomo.
  Buoninconti e' detenuto nel carcere di Asti dalla fine dello scorso gennaio: per lui si e' aperto il primo luglio scorso il processo, davanti ai giudici di Asti, per omicidio volontario aggravato ed occultamento di cadavere.
  Elena Ceste, casalinga, scomparve dalla casa in cui viveva con il marito e quattro figli, il 24 gennaio 2014. Venne ritrovata morta il 18 ottobre successivo, sulla riva di un canale non lontano dalla sua abitazione. Il verdetto dei supremi giudici e' atteso per le prossime ore. Fonte Agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07