Camorra: boss pentito Iovine, nemmeno autorita' denunciavano

Le autorita' non hanno reagito denunciando quello che accadeva attorno a loro e mi sono sempre chiesto la ragione perche' nei casi piu' evidenti non interveniva". E' Antonio Iovine, l'ex capo della camorra dei Casalesi, a parlare con i pm della Dda di Napoli. "Voglio farvi un esempio che mi coinvolge direttamente - racconta - dal 1989 una impresa a me direttamente riferibile ha gestito gli appalti per la refezione scolastica in numerosi comuni dell'agro aversano. Era noto a tutti che quella era un'impresa di Antonio Iovine eppure nessuno si ea mai opposto a questo sistema". Il pentito spiega poi ai magistrati il modo nel quale riusciva a gestire il clan quando era latitante: "La priorita' era perseverare la mia latitanza. Per questa ragione le persone a me legate io le distinguevo in tre cerchi, fra quelle che avevano contatto diretto con me fino a quelle piu' lontane.
  Naturalmente nel tempo alcune persone sono cambiate soprattutto fra quelle che avevano il compito di provvedere ai miei spostamenti". C'era chi guidava l'auto, chi convocava gli appuntamenti e chi per esempio dormiva con lui. Fonte Agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07