Sequestrata dai rapinatori, il racconto choc: «A volto scoperto e coi guanti, mi picchiavano come per uccidermi»

«Erano a volto scoperto e continuavano a picchiarmi, ad un certo punto ho davvero temuto che mi uccidessero. Ho pensato che non mi avrebbero lasciata viva, per evitare che li riconoscessi». Mara Zinzi, figlia dell’ex presidente della provincia Domenico e sorella di Gianpiero neoeletto consigliere regionale di Fi, da ieri mattina riesce ad abbozzare anche un sorriso. È in un letto della chirurgia d’urgenza dell’ospedale di Caserta, dopo essere stata picchiata e seviziata per un’ora ed essere rimasta legata sofferente in casa per altri 60 minuti. Fonte Il Mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07