Videogiochi violenti favoriscono episodi psicotici

Chi gioca in continuazione con videogiochi violenti e particolarmente impegnativi potrebbe incorrere molto piu' facilmente in malattie psichiatriche. E' quanto suggerisce uno studio pubblicato dal Royal Society Journal del Regno Unito ed effettuato dal professor Greg West del dipartimento di psicologia dell'Universita' di Montreal. La ricerca ha messo in relazione l'utilizzo smodato dei videogames con un volume ridotto dell'ippocampo, condizione solitamente associata a disordine da stress post-traumatico, depressione e schizofrenia. In particolare, uno studio su 59 assidui giocatori ha mostrato come questi, in molte incombenze quotidiane, tendano a usare molto piu' la memoria procedurale rispetto al pensiero 'ragionato', un qualcosa solitamente legato appunto all'insorgenza di episodi psicotici. La memoria procedurale (che ci fa fare le cose quasi in modo automatico) e' legata al corpo striato del cervello. Ecco cosi' che un minore volume dell'ippocampo (invece piu' legato alla memoria dichiarativa, quella piu' 'cosciente') potrebbe portare a un maggior ricorso a questa capacita'. Fonte Agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07