Gioco d'azzardo, boom delle bische clandestine: nel 2014 il 30% in più

Nell'ultimo anno le bische clandestine sono cresciute almeno del 30%, secondo i dati della Guardia di finanza. Il dossier delle Fiamme gialle, nonostante un lieve calo degli interventi effettuati, segnala infatti che, dopo i 2.035 posti clandestini trovati nel 2013, tra gennaio e novembre del 2014 ne ha individuati ben 2.646.

Un vero e proprio boom delle bische fuorilegge che, tra il locale aperto da mezzanotte alle sei a Bagheria (Palermo) e il circolo privato con tornei-capestro di poker online a Casalmaggiore (Cremona), è un fenomeno che si allarga a tutta la penisola, in un intreccio di sale d'azzardo con un giro d'affari da capogiro, come racconta "Avvenire", che ha esaminato i dati in anteprima.

I finanzieri hanno sequestrato 1.811.195 euro contro gli 861.507 dell'anno precedente, anche se scende il numero degli edifici utilizzato irregolarmente come sale d'azzardo e "sigillati" dalle Fiamme gialle (da 557 a 187). Diminuisce anche il numero degli "apparecchi e congegni" sequestrati, dai 1.918 del 2013 ai 968 degli 11 mesi del 2014.

Secondo i dati visionati da "Avvenire", le regioni dove il gioco d'azzardo clandestino è più "praticato" sono Campania, Sicilia, Lazio: alla prima vanno il 29% dei punti clandestini di scommesse sequestrati nel 2014, alla Sicilia il 22% e al Lazio l'11%. Si tratta infatti di territori in cui la criminalità organizzata è molto ben radicata. Significativi anche i numeri delle macchinette sequestrate: il 36% sono in Sicilia, il 23% in Campania, l'9% in Calabria.

Dagli ultimi dati emerge un fenomeno preoccupante: sono in forte crescita i giovanissimi dediti al gioco d'azzardo. Il numero dei soggetti è di 9.981 contro i 10.171 dell'anno prima, ma quello dei ragazzini è passato dai 16 del 2013 ai 47 del 2014. Fonte TgCom

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07