Genitori portano il figlio in tribunale perché sia obbligato a trovarsi un lavoro

Una coppia di genitori ha fatto causa al figlio, portandolo in tribunale perché il giudice lo obblighi a trovarsi un lavoro. Il ventinovenne, infatti, si rifiuterebbe di lavorare perché lo ritiene “una cosa noiosa”, e quindi si fa mantenere dai genitori. Come se non bastasse, il ragazzo ha portato anche la fidanzata a vivere con i suoi genitori, e vorrebbe che questi ultimi mantengano anche lei.
Xu Quing, questo il nome del ragazzo, non si è fatto intimidire dagli ultimatum dei genitori, che gli hanno spesso intimato di trovarsi un lavoro, e quindi questi ultimi non sapendo cosa fare si sono rivolti al giudice, che ha dato loro ragione sottolineando che non sono tenuti a mantenere il figlio e che questo doveva trovarsi finalmente un lavoro.
Ma neanche la sentenza del giudice avrebbe spinto il giovane a darsi una mossa, e pertanto i genitori si sono nuovamente rivolti alla giustizia, questa volta per cacciare il figlio di casa assieme alla fidanzata.
I media accusano i genitori di avere educato male il figlio, facendo crescere un giovane viziato, ma molti aggiungono che si tratta anche di una conseguenza della “politica del figlio unico” vigente in Cina, che avrebbe portato molte famiglie a viziare troppo il figlio o a caricarlo di troppe aspettative.Fonte Notizie del mondo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07