Coniugi morti in casa: si pensa a un omicidio-suicidio 

Dramma in località Monastero, tra i comuni di Bagnoro e Santa Firmina, nell'Aretino: marito e moglie sono stati trovati senza vita nella loro abitazione. Si tratta di Graziano Rossi e Maria Paola Trippi, entrambi 50enni. L'allarme poco dopo la mezzanotte: a scoprire i corpi i figli che vivono nella stessa villetta. L'arma che ha sparato è una doppietta, fucile da caccia detenuto nell'abitazione. Si pensa a un omicidio-suicidio.

L'uomo, poco dopo la mezzanotte, avrebbe esploso un primo colpo di fucile, sembrerebbe una doppietta da caccia, contro la moglie, che era a letto e forse dormiva. Poi avrebbe rivolto l'arma verso di sé togliendosi la vita. Entrambi i corpi sono stati trovati in camera. Sono stati i familiari, probabilmente svegliati dai colpi, a dare l'allarme. Inutile l'intervento del 118. Le salme sono state poi trasportate all'obitorio dell'ospedale San Donato a disposizione della procura di Arezzo.

La polizia ha già sentito gli altri occupanti della villetta e raccolto elementi per cercare di ricostruire quanto accaduto: attualmente l'ipotesi più accreditata è quella dell' omicidio-suicidio anche se al momento, nella vita della coppia, non sarebbero emersi particolari che avrebbero potuto far pensare ad un gesto così tragico. L'uomo era titolare dell'impresa edile Edil 3l, anche la moglie era un'imprenditrice. La coppia aveva tre figli, tra i 20 e i 30 anni. Fonte TgCom

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07