Carabinieri rapinatori: il giallo della pistola introvabile

Quattro punti oscuri sui quali fare luce. Quattro dubbi che bisogna chiarire per arrivare ad una chiusura indagini rapidamente per un quadro complesso, ma dai contorni già definiti. La rapina e l'omicidio, così come la reazione delle vittime, intenzionate a ottenere giustizia privata, rappresentano la cronistoria di un pomeriggio paradossale durante il quale due carabinieri hanno assaltato un supermercato e poi ucciso il figlio del proprietario. Ma quali sono i nodi che la procura di Nola dovrà sciogliere? Il primo: quante persone hanno realmente preso parte alla spedizione punitiva, ne sono state identificate otto, ma i due indagati sostengono che fossero almeno dodici. Il secondo: se altri, oltre al carabiniere-rapinatore, ha sparato durante le concitate fasi dell'aggressione sulla 268 del Vesuvio. Il terzo: se i due militari infedeli hanno avuto dei complici. Il quarto: se i due militari infedeli hanno commesso altri raid prima di quello che ad Ottaviano è finito in tragedia.Fonte Il Mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07