Chi è Veronica, la mamma di Loris: un passato difficile e i tentativi di suicidio

Ha scoperto chi fosse il suo vero padre solo a 14 anni, e durante l'adolescenza ha cercato per due volte di uccidersi. Con la madre c'è stato un rapporto burrascoso, e a sua volta è diventata mamma molto presto: nel passato di Veronica Panarello, che ha compiuto 26 anni solo un mese fa, c'è una vita di traumi e di dolore. E se davvero la donna è in qualche modo coinvolta nella morte del figlio, il suo passato potrebbe in qualche modo esserne complice.

"Io non ho fatto niente di male, non ho nulla da nascondere. Sono innocente. Là fuori c'e' chi ha ucciso mio figlio. Lo cercassero", ha urlato Veronica più di una volta in questi giorni. Eppure il suo racconto fa acqua da tutte le parti, e a Santa Croce Camerina le voci di paese dicono che la mamma di Loris sia "instabile, con problemi psicologici seri". L'ipotesi di chi indaga, del resto, è che abbia rimosso tutto: la stessa cosa che si diceva di Anna Maria Franzoni, la mamma di Samuele Lorenzi, il bambino ucciso a Cogne.

Veronica, finora, non è crollata, ma continua a chiedere di riavere il suo bambino: "Lo rivoglio, voglio solo abbracciare il mio bambino, perché non me lo vogliono dare?". Il perché sta nel fatto che ancora gli inquirenti stanno cercando risposte che continuano a mancare.

Anche se qualche indizio potrebbe forse venire dal passato burrascoso della donna. Che, non ancora 14enne, tentò di togliersi la vita bevendo candeggina. A Grammichele, dove era tornata dopo aver passato l'infanzia in Liguria per via del lavoro del padre, frequentava l'istituto artistico Albertini. "Era solare e bella - ricordava nei giorni scorsi una sua ex compagna di classe -. Ma questo non vuol dire niente perché poi le persone cambiano".

E a Veronica il cambiamento è crollato addosso scoprendo che l'uomo che per 14 anni aveva considerato suo padre, in realtà non lo era. Il padre era un uomo con cui la madre aveva avuto una relazione occasionale. E quando lei è andata a cercarlo, lui non si è rivelato essere il padre affettuoso che lei sperava di trovare. Fonte Tgcom 


Nonostante la confessione della madre di Veronica, la famiglia è rimasta unita e si è trasferita a Santa Croce Camerina, in una casa non lontana dalla zona del Mulino Vecchio. Una casa dove Veronica, a 15 anni, ha nuovamente tentato il suicidio, cercando di impiccarsi nella serra.

A questo punto della storia è comparso Davide, il ragazzo che poi sarebbe diventato il suo compagno. A 17 anni Veronica è rimasta incinta, e nel 2006 è nato Loris. Ma mamma e figlio sono spesso rimasti soli, con il compagno in giro per l'Italia con il suo camion. Sola come sabato, quando dice di aver portato a scuola Loris mentre invece le telecamere raccontano un'altra storia. 


2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07