Caserta: Spara al figlio e al genero della sua amante ma finisce i colpi: picchiato e arrestato

Ha esploso alcuni colpi di pistola contro i parenti della sua amante che si opponevano alla relazione clandestina. Ma ha avuto la peggio perché, dopo aver terminato i colpi, è stato aggredito dalle vittime. Ora si trova in ospedale - in stato di arresto - con le accuse di tentato omicidio, detenzione illegale d'arma da fuoco e spari in luogo pubblico.

Il fatto è accaduto a San Vitaliano. L'aggressore è un 68enne di Marigliano che da circa un anno intratteneva una relazione sentimentale con una 62enne. Il marito della donna, però, che da tempo era bloccato a letto a causa di un incidente, aveva chiesto al figlio e al genero di avvicinare l'uomo e di dirgli di lasciare in pace la sua consorte. I due, 46 anni e 32 anni, si erano quindi appostati vicino alla casa della propria congiunta ed erano “intervenuti” all’arrivo del 68enne iniziando una lite, iniziata con gli spari da parte dell'anziano e proseguita con la reazione dei due giovani, rimasti incolumi. Quando i due hanno capito che l’anziano aveva finito le cartucce nella pistola, lo hanno picchiato selvaggiamente procurandogli varie tumefazioni, la frattura di una costola e un ematoma renale guaribili in 20 giorni.

Il 68enne è stato arrestato per tentato omicidio, detenzione illegale di arma comune da sparo e ricettazione della stessa, spari in luogo pubblico. Adesso rimane in osservazione piantonato. Fonte il mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07