Un testimone: "Ho visto Bossetti pregare sulla tomba di Yara"

La sorella gemella di Massimo Bosetti, Letizia Laura (43 anni), è stata aggredita ieri pomeriggio da tre sconosciuti, che l'avrebbero sorpresa nel garage di casa dei genitori, a Terno d'Isola (Bergamo). Secondo quanto scrive il Corriere della Sera, la donna avrebbe perso i sensi in seguito all'aggressione. Si tratterebbe del secondo caso del genere da quando il fratello si trova in carcere a Bergamo con l'accusa di aver ucciso Yara Gambirasio.
"La situazione è di grande tensione". A dichiararlo è l'avvocato Benedetto Maria Bonomo, che ha fatto sapere che presto provvederà a stendere un'altra querela. "Una cosa è l’amore per un parente, un’altra è la complicità in un delitto", ha aggiunto. Letizia Maria non sarebbe in grado di dire se gli aggressori sono le stesse persone che l’avevano attaccata in precedenza, sempre sotto il condominio dei suoi genitori di Terno d'Isola. L'agguato è stato fulmineo: i tre aggressori l'hanno afferrata per un braccio e trasportata di forza nel garage, pronunciando insulti contro "l'assassino Bossetti".

Dopo l'aggressione, Letizia Maria Bossetti è stata soccorsa e trasferita con un'ambulanza all'ospedale di Ponte San Pietro (Bergamo), dove è stata medicata e dimessa. Come riporta il Corriere della Sera, nel quartiere nel quale è avvenuta l'aggressione regna la paura. Letizia Maria Bossetti si era recata a casa dei suoi genitori per assistere il padre Giovanni, malato da tempo. Gli unici testimoni sarebbero i vicini di casa, che affermano di aver visto entrare e uscire tre tizi da una porta secondaria.

Testimone: "Bossetti pregava sulla tomba di Yara" - "Ho visto Bossetti pregare sulla tomba della piccola Yara". Lo ha detto Gino Crepaldi, un autista 58enne di Ciserano (Bergamo) al settimanale "Giallo". L'uomo afferma di aver visto Bossetti a settembre 2013, il 10 o l’11, al cimitero di Brembate Sopra. "Quando Bossetti è stati arrestato a giugno ho visto la sua foto su un giornale online. Ci ho pensato un attimo e poi mi sono ricordato tutto. Ho battuto un pugno sul tavolo e ho detto: porca miseria! Ma è il signore che ho visto al cimitero", afferma il testimone. Fonte TgCom

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07