Uccide la sorella a fucilate per l'eredità, poi chiama i carabinie

Ha ucciso la sorella a fucilate, poi ha chiamato i carabinieri: "Venite, l'ho giustiziata". E' accaduto a Tortona, in provincia di Alessandria. Carlo Garrone, 73 anni, è stato fermato per l'omicidio di Michela, maestra in pensione di 69 anni. L'assassinio è avvenuto nel cortile che separa le due case in cui i fratelli vivevano. Dietro la tragedia ci sarebbero dissidi familiari legati a questioni di eredità.
Alle 9 del mattino, con un fucile da caccia, il 73enne ha sparato alla 69enne ferendola mortalmente mentre lei si accingeva a tirare fuori dal garage la sua autovettura.

Due colpi alla schiena, più altri due. Poi Garrone è rientrato in casa, ha posato il fucile su una cassapanca e ha chiamato i carabinieri: "Venite, ho giustiziato mia sorella". Infine è tornato in cortile e ha atteso l'arrivo delle forze dell'ordine. Fonte TgCom

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07