Psicologia: cene di famiglia aiutano contro effetti bullismo

Cenare regolarmente in famiglia puo' contribuire a migliorare la salute mentale degli adolescenti, aiutando a affrontare il problema del bullismo.
  Secondo uno studio della McGill University, pubblicato sulla rivista Jama Pediatrics, il contatto sociale, il sostegno e la comunicazione che si sperimentano durante i pasti in famiglia potrebbero aiutare gli adolescenti a costruire una sorta si scudo contro il bullismo online. Per arrivare a queste conclusioni gli studiosi hanno intervistato oltre 20mila adolescenti, misurando l'esposizione al bullismo online e a quello "faccia a faccia". Inoltre hanno indagato sull'eventuale presenza di altri problemi di salute mentale, come depressione, ansia, uso di sostanze, autolesionismo, pensieri suicidi e tentati suicidi. I ricercatori hanno anche raccolto informazioni su come gli adolescenti cenano regolarmente con la loro famiglia. Gli adolescenti che hanno sperimentato il cyberbullismo avevano il 2,6-4,5 volte di probabilita' in piu' di soffrire di problemi emotivi, comportamentali e di uso di sostanze rispetto a coloro che hanno sperimentato il bullismo tradizionale. Questi problemi sono risultati piu' comuni tra gli adolescenti che hanno cenato meno in famiglia, il che suggerisce che il contatto con la famiglia riduce alcuni degli effetti sconvolgenti del cyberbullismo. "I risultati sono promettenti - hanno detto i ricercatori - ma non vogliamo semplificare eccessivamente quello che abbiamo osservato. Molti adolescenti non fanno regolari pasti in famiglia, ma ricevono un sostegno in altri modi". Fonte Agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07