Mafia: Riina, "si sono fottuti tutti i documenti di Dalla Chiesa"

"Questo Dalla Chiesa ci sono andati a trovarlo e gli hanno aperto la cassaforte e gli hanno tolto la chiave. I documenti dalla cassaforte e glieli hanno fottuti". Nelle conversazioni fiume tra Toto' Riina e Alberto Lorusso, il suo compagno d'aria al carcere di Opera di Milano, il boss corleonese parla anche del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, di cui ricorre domani l'anniversario della morte per mano mafiosa. Riina e Lorusso ne parlano durante il "passeggio" del 29 agosto dell'anno scorso. Le conversazioni sono tutte intercettate e sono state depositate - poco piu' di 1300 pagine - nell'ambito del processo sulla trattativa tra Stato e mafia. "Minchia il figlio faceva ... il folle. Perche' dice c'erano cose scritte. Loro - continua Riina - quando fu di questo... di Dalla Chiesa... gliel'hanno fatta, minchia, gliel'hanno aperta, gliel'hanno aperta la cassaforte, tutte cose gli hanno preso. Perche' i discorsi di Palermo, i discorsi a Palermo sono, sono assai, tutti grossi e tutti, tutti bomb... tutti, tutti morti. Morti, morti di tanti livelli".Fonte: Agi
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07