Laura, accoltellata dall'ex e viva per miracolo. Lo sfogo su Fb: "Lui è a casa, io sotto scorta"

Ha rischiato la vita dopo essere stata accoltellata dall'ex fidanzato e oggi, dopo una lunga convalescenza, a Laura Roveri non resta che sfogarsi su Facebook: "Lui è a casa, io giro sotto scorta".

La ragazza, veronese di 25 anni, è stata aggredita il 12 aprile scorso fuori da una discoteca di Vicenza dall'ex fidanzato Enrico Sganzerla, un commercialista di 42 anni. La donna ha subito due interventi chirurgici a causa dei fendenti inferti dall'uomo.

LO SFOGO Oggi alla giovane, che ha ripreso a lavorare, non resta che sfogarsi sulla rete: "Ho rischiato la vita due volte, quando mi ha accoltellata e quando, alcuni giorni dopo, hanno dovuto operarmi d'urgenza per un aneurisma. Ai giudici, però, evidentemente non è bastato per punirlo. E siccome mi sono salvata, a soli cinque mesi di distanza da quando ha cercato di uccidermi gli hanno concesso già gli arresti
domiciliari nella casa dei suoi genitori". Per Laura "questo è un insulto non solo a lei ma a tutte le donne. Ci dicono di denunciare gli uomini violenti e si fanno le campagne contro il femminicidio - accusa -. A cosa servono prevenzione e sensibilizzazione, se poi il trattamento giudiziario che spetta ad un omicida mancato è un soggiorno a casa con mamma e papà?".

I DOMICILIARI Dopo l'arresto per tentato omicidio aggravato dalla premeditazione, Sganzerla è rimasto in carcere fino al 7 giugno, quando ha ottenuto i domiciliari in una clinica per "compiere un percorso terapeutico e rieducativo". Da martedì scorso il gip di Vicenza Dario Morsiani con l'assenso del pm gli ha concesso i domiciliari, lasciandolo ad una decina di chilometri di distanza da dove risiede la vittima. A sentirsi dietro le sbarre adesso è lei. "Per tutelarmi e sopperire alle carenze e alle falle della giustizia - accusa Laura - devono intervenire le forze dell'ordine per proteggermi visto che abitiamo a soli dieci minuti di strada. Se questa è giustizia, allora in Italia la giustizia non esiste". Fonte Leggo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07