Bimbo di 4 anni punto da una siringa infetta nel parco

Una famiglia padovana da tre mesi sta vivendo nell’angoscia. Il figlio più piccolo, 4 anni, il 15 giugno scorso mentre giocava al parco d’Europa di via Venezia si è punto con una siringa infetta. Un ago lasciato in un cespuglio da un tossico. E l’incubo non è finito perchè il bambino, tra qualche giorno, dovrà ripetere il ciclo di esami del sangue.

A raccontarlo è la mamma che vive in zona Stanga non lontano dal parco d’Europa col marito e un altro figlio. «Appena accorta di quanto accaduto, disperata, sono andata al pronto soccorso di Pediatria». Il piccolo è stato disinfettato e sottoposto a una serie di esami, ma non è finita.

«Abbiamo paura - ha sottolineato la donna - è inutile nasconderlo, in quel parco non porterò mai più i miei figli». E 20 giorni fa ancora al parco d’Europa l’incidente poteva ripetersi come testimonia un’altra mamma padovana. Fonte Leggo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07