Appello bis per Stasi: Pg, "carabiniere indago' a Garlasco non attendibile"

Nell'aula del processo ad Alberto Stasi, imputato per avere ucciso la fidanzata Chiara Poggi a Garlasco, ha preso la parola il pg Laura Barbaini la quale, oltre a chiedere la riapertura parziale del dibattimento com'era atteso, sta cercando di smontare la credibilita' del maresciallo (ora in pensione) ed ex comandante della caserma dei carabinieri di Garlasco, Francesco Marchetto, che si occupo' delle indagini coordinate dal pm Rosa Muscio. Barbaini ha chiesto alla Corte d'Assise di poter depositare la sentenza di condanna a due anni e otto mesi per favoreggiamento della prostituzione e peculato inflitta a Marchetto dal Tribunale di Vigevano. Secondo l'accusa, Marchetto non avrebbe segnalato le attivita' di prostituzione all'interno di un locale a Garlasco e avrebbe anche "intrattenuto relazioni" con le ragazze romene che ci lavoravano. Nel suo intervento, il pg ha anche rivelato che Marchetto e' indagato, in seguito a un esposto della famiglia Poggi, dalla Procura di Pavia per falsa testimonianza per la sua deposizione come teste davanti al gup di Vigevano Stefano Vitelli che assolse Stasi dall'accusa di omicidio in primo grado in un processo col rito abbreviato. In quell'occasione, Marchetto  aveva affermato di avere deciso di non sequestrare una bicicletta nera da donna custodita nell'officina del papa' del ragazzo perche' non corrispondeva alla descrizione fatta dalla vicina di casa dei Poggi, Franca Bernani. Tuttavia, ha chiarito la stessa Barbaini, la Procura di Pavia ha chiesto di archiviare l'accusa di falsa testimonianza a carico di Marchetto. Fonte Agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07