La camorra ora assolda donne killer: sono loro le assassine di Caivano

I clan della camorra ora assoldano anche donne killer per portare a termine le proprie vendette. Lo hanno scoperto gli investigatori che indagano sul duplice delitto di Caivano, nel Napoletano, dove lunedì erano stati trovati i corpi carbonizzati di due persone chiuse in un'auto. Analizzando le immagini delle telecamere di sorveglianza, gli inquirenti hanno scorto i profili degli assassini: due donne. Le due, racconta il Mattino di Napoli, sono state riprese mentre scendevano dalla Fiat Punto nella quale erano stati appena uccisi Aniello Ambrosio e Vincenzo Montino, boss del clan Cennamo di Crispano; poco dopo l'auto è stata data alle fiamme. Le telecamere hanno registrato solo l'apparizione di due ombre, niente più, ma dalle analisi risulta chiaro che i killer dei due fossero donne per via della silhouette, del portamento, dell'andatura. E ciò, secondo il quotidiano partenopeo, spiega anche come mai i due pregiudicati uccisi si siano fatti cogliere con le difese abbassate: mai si sarebbero appartati in auto con altri elementi del clan, mentre avrebbero tranquillamente accettato un'avventura con due donne. Che invece si sono rivelate essere altrettanto pericolose. Fonte: TgCom
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07