Falso profilo Facebook scatena il branco, 14enne stuprata per settimane

 Un falso profilo su un social network ha innescato una spirale di violenza che ha distrutto l'esistenza di una quattordicenne di Molfetta. Quattro ragazzi maggiorenni sono stati arrestati dai carabinieri con l'accusa di aver fatto parte di un branco che ha violentato e minacciato la ragazzina. L'arresto, in esecuzione dell'ordinanza di custodia emessa dal gip del Tribunale di Trani con le accuse di violenza sessuale di gruppo e sequestro di persona, il tutto aggravato dal fatto che la vittima fosse minorenne. Restano ancora da indentificare gli altri membri del gruppo, probabilmente minorenni.

I fatti risalgono alla primavera e all'estate dello scorso anno, ma la vittima ha trovato il coraggio di denunciare solo in un secondo tempo, terrorizzata dal fatto che il 'branco' la potesse di nuovo aggredire. Le indagini dei carabinieri della Compagnia di Molfetta dovranno accertare l'eventuale coinvolgimento anche di minorenni. E' quanto sospettano gli inquirenti, che dopo aver ricostruito gli episodi denunciati dalla ragazza, risalenti allo scorso anno, e che solo recentemente la 14enne ha rivelato agli investigatori, hanno acquisito gravi elementi a carico dei quattro arrestati, tutti finiti ai domiciliari. Secondo quanto si e' appreso, complessivamente sarebbero stati una decina i responsabili delle violenze, alcuni e tra loro almeno quattro adolescenti.  Stando a quanto si e' appreso sinora l'azione del branco sarebbe stata innescata da un falso profilo della ragazzina su un social network. (AGI) .

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07