Crisi economica aumenta rischio declino cognitivo

Perdita di lavoro e crisi economica vissute durante la meta' della vita aumentano il rischio di soffrire di declino cognitivo successivamente. L'associazione e' emersa dai risultati di un nuovo studio pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, condotto dall'Universita' del Lussemburgo. In pratica, la serenita' lavorativa ed economica contribuisce a creare una sorta di 'riserva cognitiva', relativa a memoria, logica e orientamento, che influenza le prestazioni correlate in eta' avanzata. La ricerca ha analizzato i dati da un campione di 12mila persone provenienti da undici paesi che hanno partecipato al sondaggio Share rappresentativo delle condizioni di salute, invecchiamento e pensionamento in Europa.  Fonte e

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07