"Basta con i tarocchi": sgozza e uccide la madre veggente 

Un trentunenne, Pietro Battiato, ha ucciso la madre 59enne, Angela Zappalà, sgozzandola con un coltello da cucina nella loro abitazione diFiumefreddo, nel Catanese. La tragedia è avvenuta al culmine di una violenta lite relativaall'attività professionale della donna. L'uomo ha poi tentato di suicidarsi con una coltellata all'addome: attualmente si trova ricoverato in ospedale in gravissime condizioni.Tra i due, secondo i vicini, c'erano continue liti:una delle cause scatenanti dei contrasti sarebbe stata l'attività di cartomante e veggente che la donna svolgeva in casa. Martedì mattina poco prima delle 5 l'ultima drammatica lite, al culmine della quale Battiato ha impugnato un coltello da cucina e sgozzato la madre.Dopo essersi reso conto di aver ucciso la donna, ha telefonato al 113 pronunciando solo poche parole: "Venite, ho ucciso mia madre". E mentre sul posto arrivavano i carabinieri (ai quali il centralino aveva smistato la chiamata in origine diretta alla polizia), il 31enne ha tentato di uccidersi con una coltellata all'addome. Ora è piantonato in ospedale, in stato di arresto con l'accusa di omicidio volontario. Fonte Tgcom

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07