Baby squillo a Roma, la madre indagata alla ragazzina: Dopo studi, prima c'è il lavoro

mamma, non c’ho sedici anni». «Apposta, allora ce devi andà», è la risposta. «Io voglio andarci, mamma, però non voglio andarci senza aver fatto i compiti».LA GUERRA DELL’ALTRA MAMMAOpposto l’atteggiamento dell’altra madre. Quella che per mesi combatte con la sedicenne Angela, appena più grande di Agnese. La ragazza la minaccia: «Ti mando i miei amici cocainomani a sgozzarti, ti ammazzo con le mie mani», le avrebbe urlato durante una lite. Ad agosto, la donna va dai Carabinieri perché la figlia è fuggita a Ponza e quando la madre va sull’isola per convincerla a tornare, la aggredisce urlando «Tanto se torno a Roma riscappo di nuovo». Alcuni giorni dopo, la donna torna a sporgere denuncia perché nel cellulare della ragazza ha trovato messaggi con la dicitura «cliente» accanto ai nomi: «Tutto ciò fa intendere - dice a verbale - che mia figlia si venda per danaro con numerose persone». Nell’elenco c’è anche un organizzatore che il 19 luglio 2013 le ha mandato un messaggio che non lascia dubbi: «Questo ve vole offrì una vacanza a Cannes 5 giorni io gli ho chiesto 1000 al giorno più tutto pagato lui 500 trovate na via de mezzo». E nello stesso verbale, del 12 agosto, la signora consegna ai Carabinieri anche una provetta di plastica «contenente una piccola quantità di sostanza polverosa verosimilmente stupefacente». Fonte Leggo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07