Web Crime: aumento del 370% dei reati

Il crimine online è sempre più diffuso e sempre più pericoloso ma la consapevolezza degli utenti è ancora molto scarsa. Solo il 2% degli italiani dichiara di avere piena consapevolezza dei rischi informatici e di prendere adeguate contromisure a fronte di oltre 27 mln di navigatori e 23 mln di utenti di social network. Tanto che quasi in 9 milioni sono stati oggetto di una qualche forma di crimine realizzato via Internet. Non ci sono nel nostro paese adeguate politiche di sicurezza informatica né adeguati investimenti, a livello statale e aziendale, che proteggano la 'ricchezza' della proprietà intellettuale.ATTACCHI TRIPLICATI Sono cresciuti di oltre il 370% a livello globale gli attacchi di cybercrime di dimensioni significative, quelli cioè che comportano importanti conseguenze economiche, legali e di immagine per le vittime. Nel mirino ci sono sempre più le istituzioni bancarie e aumenta il fenomeno degli 'hacktivisti', cioè la disobbedienza civile sul web in stile Anonymous o Syrian Electronic Army. Sono alcuni dati del rapporto Clusit 2013 nell'ambito del mese europeo della sicurezza informatica. Fonte Leggo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07