Tratta del sesso Napoli-Ischia, bimba costretta a prostituirsi: 4 arresti

Bimba rom costretta a prostituirsi. Accompagnata dalla madre in un monolocale utilizzato dall'orco: un uomo di 61 anni,A.G., residente a Ischia, ieri pomeriggio arrestato in flagranza di reato con l'accusa di violenza sessuale. Bloccato in un monolocale, dove sono stati anche sequestrati profilattici e completini sexy per bambini.È una storia squallida, dai contorni ancora opachi, quella scoperta dai poliziotti del commissariato di Ischia, sotto l'egida del vicequestore Stefania Grasso che ha acceso un faro sulla pedofilia a domicilio. Indagine durata sei mesi che già nelle prossime ore potrebbe segnare altri sviluppi e coinvolgere decine di persone, anche residenti a Napoli.La 13enne costretta a prostituirsi fino a ieri abitava infatti in un campo rom in provincia di Napoli e ogni mattina raggiungeva l'isola a bordo del traghetto, assieme alla madre, a un'altra donna e una minorenne. Tutte e tre, anche la minorenne, sono state arrestate e nel corso dell'operazione gli agenti hanno anche sequestrato 1800 euro (secondo la polizia, per ogni prestazione sessuale venivanocorrisposte tra 100 e 200 euro); mentre la tredicenne, insieme con la sorellina di 5 anni, è stata affidata ai servizi sociali. Fonte Il Mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07