Madre e figlia uccise, fermato l'ex marito. Avrebbe confessato

Madre e figlia sono state uccise questa sera a colpi di arma da fuoco a Pescina (L'Aquila). Willy Selmanay, fermato in serata per il duplice omicidio era rientrato martedi' dalla Germania, dove era riuscito a trovare lavoro dopo la separazione dalla moglie, uccisa insieme alla figlia di 20 anni a colpi di pistola nel piccolo centro Marsicano. La coppia aveva sette figli. Nel corso dell' interrogatorio avvenuto alla presenza del sostituto procuratore della Repubblica di Avezzano, Maurizio Maria Cerrato, ha confessato l'efferato duplice omicidio.  Il duplice omicidio e' avvenuto davanti al supermercato Todis, tra Pescina e Ortucchio. Presenti alcuni testimoni tra dipendenti e clienti che i militari stanno ascoltando da poco dopo le 19, orario presunto della sparatoria. I carabinieri sarebbero gia' sulle tracce dell'assassino, un kosovaro, connazionale delle vittime. L'uomo, che sarebbe armato, e' fuggito subito dopo a bordo di un'utilitaria. Posti di blocco sono stati istituiti in tutta la provincia. Da quanto si apprende le donne avrebbero 50 e 20 anni e sarebbero impiegate in un'azienda agricola. La cinquantenne era separata dal marito .  Poco dopo il delitto, il presunto autore del duplice omicidio in Abruzzo e' stato intercettato e fermato dai carabinieri. Viaggiava a bordo di una Fiat Punto bianca.  L'uomo, ex marito della cinquantenne, e' stato bloccato dai carabinieri mentre rientrava in casa a Pescina, nella frazione di Venere. Nella sua auto e' stata poi rinvenuta una pistola.  Subito dopo i militari lo hanno condotto presso la Compagnia dei carabinieri di Avezzano dove viene interrogato dal sostituto procuratore della Repubblica, Maurizio Maria Cerrato.  Il presunto killer si chiama Veli Selmanaj, 46 anni, ancora sotto interrogatorio. L'arma recuperata nella sua auto sarebbe quella che ha sparato alla moglie Fatime di 45 anni e sua figlia Sene Ada, di 21. E' stato intanto confermato che le due donne lavoravano in un'azienda agricola marsicana. L'uomo, che lavorerebbe al nord, era tornato nella Marsica per concludere le pratiche di separazione. Alla base del duplice omicidio potrebbe esserci una denuncia per violenza sessuale sporta dalle due vittime nei confronti dell'uomo. (AGI) . 

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07