Madre baratta la figlia undicenne per un frigo

Una madre argentina è accusata di avere venduto la figlia undicenne in cambio di un frigorifero. La donna, Pabla Cesarina Monzon Aldana, è stata arrestata, e la figlia affidata ai servizi sociali.Il fatto è venuto a galla quando la polizia ha fatto irruzione in una fabbrica illegale a Buenos Aires, trovando la ragazzina al lavoro di fatto come una schiava.La ragazzina precedentemente viveva con dei parenti in Paraguay, ma la madre ha voluto che tornasse a vivere con lei in modo che potesse dare una mano alla famiglia. Ma il contributo dell’undicenne non era evidentemente all’altezza delle aspettative della madre, e la donna avrebbe deciso di vendere la figlia ad un vicino, in cambio di un frigorifero e di alcuni altri articoli da cucina.
L’uomo avrebbe poi costretto la bambina a lavorare nella fabbrica, dove la piccola avrebbe subito anche abusi sessuali. Non si sa da quanto tempo lavorasse nella fabbrica prima di essere liberata dalla polizia.Anche i titolari della fabbrica sono stati arrestati per sfruttamento del lavoro minorile, ma l’uomo accusato di avere acquistato la bambina non è stato ancora catturato. Fonte Notizie del mondo

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07