Psichiatra uccisa, l'autopsia: «Colpita con oltre 50 coltellate»

Sono oltre 50 le ferite da arma da taglio rilevate sul corpo di Paola Labriola, la psichiatra uccisa il 4 settembre scorso a Bari da un paziente nelcentro di salute mentale di via Tenente Casale. È quanto emerso dall'autopsia eseguita all'istituto di medicina legale Policlinico di Bari.Si tratta di coltellate che hanno lesionato organi vitali, per lo più inferte all'altezza del torace mentre la dottoressa volgeva le spalle all'aggressore, e di numerose lesioni più superficiali. Le ferite sono compatibili con il coltello che è stato sequestrato sul luogo del delitto dalla polizia che ha arrestato il presunto omicida, Vincenzo Poliseno. L'autopsia è condotta dall'equipe di medicina legale del Policlinico di Bari e coordinata da Gianfranco Divella.Dall'esito dell'esame, che deve stabilire oltre che il numero delle coltellate anche la traiettoria con la quale sono state inferte, sarà possibile probabilmente ricostruire la dinamica dell'aggressione finora poco chiara visto poichè Poliseno, rinchiuso nel carcere di Bari, sinora non ha risposto alle domande degli inquirenti e dice di non essersi reso conto dell'accaduto. fonte il mattino

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07