Italia-Spagna, l'asse della droga: scoperto business da oltre dodici milioni di euro

Per 31 persone, il gip di Napoli ha disposto - su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura partenopea - la detenzione in carcere. Altre tre persone sono invece finite ai domiciliari. Le accuse contestate sono di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, detenzione illegale di armi, favoreggiamento, estorsione, furto, ricettazione, attribuzione fittizia di beni (denaro o altre utilità ritenute provento dell'attività illecita). Il Gico di Napoli ha accertato l'esistenza di un'alleanza tra i cartelli criminali che gestiscono le piazze di spaccio campane e l'organizzazione sgominata nel corso dell'operazione denominata «Hamàl», che ha coinvolto oltre cento finanzieri. Vincenzo Scarpa, trovato in possesso di 12.500 euro in contanti, è anche accusato di violazione delle normative valutarie. Le indagini hanno consentito di documentare la movimentazione di denaro contante tra Italia e Spagna per oltre quattro milioni di euro e la commercializzazione di oltre 350 chilogrammi di cocaina di cui 110 chilogrammi sono stati sequestrati, per un valore di circa 12 milioni di euro. Fonte: Il Mattino
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07