Cybercrime, sette semplici regole per non finire vittima delle truffe online

Con l'esplosione dei 'social' e sempre più strumenti per navigare online, aumenta anche il rischio delle truffe online. L'ultimo caso eclatante è stato pochi giorni fa quello di Alpitour, la cui pagina Facebook è stata 'hackerata' da alcuni cyber-criminali che con falsi annunci hanno indotto diversi utenti a lasciare le proprie coordinate bancarie.Ma quali sono le precauzioni da seguire per non finire vittima dei crimini informatici?Contro il pericolo del 'phishing e delle truffe online, la prima regola fondamentale da seguire è non rispondere a email di utenti ignoti e diffidare subito dei messaggi che chiedono di inserire i propri dati personali e bancari.Nell'era digitale, è sempre bene ricordarsi di proteggere bene anche i documenti cartacei (distruggendoli prima di gettarli) su cui magari era stato appuntanto un pin o una password.E' molto importante tenere sempre aggiornato l'antivirus sul proprio computer.Anche se sicuri, è preferibile evitare i pagamenti online con le carte di credito: tutte le banche ormai distribuiscono le carte prepagate e ricaricabili, che sono più sicure (e in caso di 'furto' il danno è minore).Fare sempre attenzione all'url (indirizzo web) del sito su cui si vogliono fare acquisti online. Controllare che sia effettivamente riferibile all'azienda e che l'indirizzo sia preceduto da 'https' e non 'http'.E' utile attivare il servizio di 'sms alert' sulle proprie carte di credito e bancomat.Quando si fa un prelievo a uno sportello, controllare che non ci siano segni di manomissione e coprire la tastiera quando si inserisce il pin. Fonte Adnkronos

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07