Cervello: cancellare i ricordi dolorosi è possibile

Eliminare selettivamente i ricordi che fanno soffrire, senza arrecare alcun danno alle memorie “positive”: ad affermare che è possibile è un gruppo di ricercatori statunitensi dello Scripps Research Institute.
Lo studio, pubblicato su Biological Psychiatry, è stato diretto da Courtney Miller: “I nostri ricordi ci rendono ciò che siamo, ma alcuni possono renderci la vita molto difficile. Per questo siamo alla ricerca di strategie per eliminare selettivamente ricordi legati a esperienze passate negative come l’uso di droghe o eventi traumatici”.
La ricerca, condotta per ora solo su un gruppo di topi dipendenti dalle metanfetamine, “mette in evidenza che è possibile eliminare definitivamente ricordi legati all’uso di droghe senza danneggiare altre memorie”. Il meccanismo messo a punto per cancellare la memoria in modo selettivo si basa sull’inibizione della proteina miosina: bloccare l’attività di questa proteina provoca, a cascata, una serie di altri avvenimenti che termina proprio con l'eliminazione dei ricordi. La speranza è che questa nuova strategia potrà essere utilizzata, un giorno, anche sugli esseri umani, e che potrà servire, conclude Miller, “a eliminare ad altri ricordi dannosi come quelli che portano, ad esempio, al disturbo da stress post-traumatico”. Fonte: Salute 24
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07