Uccide la moglie e si toglie la vita Il delitto sotto gli occhi del figlio di 4 anni

Ha ucciso con un'arma da fuoco la moglie e subito dopo si è tolto la vita. Ennesima tragedia familiare, al culmine di una violenta lite, questa volta ad Avola, nel Siracusano. La donna da qualche tempo si era trasferita in casa della madre, dove è stata assassinata. La coppia era da tempo in crisi. I due, che stavano pensando alla separazione, lasciano tre figli. Uno di loro, 4 anni appena, ha assistito all'omicidio e ha dato l'allarme.
Particolare angosciante della vicenda è che, a dare l'allarme, è stato il figlio più piccolo, di soli quattro anni. Non appena la donna ha visto il marito imbracciare l'arma, ha infatti allontanato il piccolo, che si è andato a nascondere tra alcuni cespugli. E' stato lui a dare l'allarme dopo che si era consumata la tragedia gridando: ''Papà ha ucciso la mamma''. E' stato allora che è accorsa la sorella della vittima, di 44 anni, che dopo aver visto il corpo della congiunta davanti all'uscio di casa, ha tentato di disarmare il cognato che le puntava alla gola l'arma, e lo ha sfidato dicendo ''Sparami, sparami''. Antonio Mensa a questo punto ha rivolto l'arma su di sé e si è sparato uccidendosi all'istante.  Fonte TgCom
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07