Senso dell'umorismo? Si sviluppa già a 18 mesi

Il momento in cui i bambini cominciano a sviluppare il senso dell’umorismo è al centro di uno studio della Cardiff University. Tale studio ha rivelato che i piccoli imparano il senso dell’umorismo dai loro genitori e che tenderanno a imitarlo, diventando divertenti quanto loro. Ennesima conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, dell’importanza dei primi anni di vita del bambino per lo sviluppo del carattere e delle peculiarità da adulto. La ricerca è stata condotta da Meredith Gattis e dal suo team di scienziati che ha esaminato un gruppo di bambini nel corso degli ultimi dieci anni. La Gattis e la sua squadra hanno osservato che i bambini cominciano a sviluppare il senso dell'umorismo a partire dai 18 mesi di età e che un periodo critico per la comprensione dello humor è quello intorno al secondo anno. Per comprendere scherzi più complessi bisogna infatti aspettare i 2-3 anni. Per esempio, se durante la ricerca si usava la penna dal verso sbagliato, accompagnando lo scherzo con una finta espressione di disappunto, i bambini più piccoli (tra i 19 e i 24 mesi) non capivano che si trattava di uno scherzo e tendevano a correggerli. In questo senso i genitori possono aiutare i loro figli nello sviluppo, parlando con una voce diversa quando stanno facendo qualcosa di divertente per far capire ai piccoli che stanno scherzando. I bimbi tendono a seguire l’Effetto King Louie, ossia l’imitazione del genitore, anche sotto il profilo dell’umorismo. Fonte: Il Mattino
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07