Salerno, si spara con la pistola del papà: muore 13enne

Un colpo dritto alla tempia e per il tredicenne non c’è stato nulla da fare. La tragedia si è verificata ieri sera intorno alle 20.30. Luca Botti è stato trovato privo di vita all’interno della sua abitazione a Vallo della Lucania, nel Salernitano. Il proiettile è partito da una pistola ed ha colpito mortalmente il ragazzino. L’arma, una magnum 357 era riversa a terra accanto al ragazzino. A ritrovarlo in una pozza di sangue è stato il fratello poco più grande di lui. Pare che il tredicenne fosse solo in casa, quando il fratello maggiore è rientrato si è ritrovato davanti l’agghiacciante scena, il fratello ormai senza vita in una pozza di sangue e l’arma a terra. Il tredicenne era nella sua cameretta, probabilmente per gioco ha preso la pistola del padre ed è partito accidentalmente un colpo che gli ha stroncato la vita. Non si sa se l’ha trovata per caso o se aveva visto dove il padre l’aveva in custodia. Interrogativi che al momento sono ancora tutti da sciogliere. Fonte: Il Mattino
2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07