Il cervello umano e' programmato per empatia

Il cervello umano e' "programmato" per entrare in empatia con gli altri, perche' tendiamo ad associare quelli che ci sono piu' vicini, come amici o amanti, con noi stessi. A rivelarlo e' uno studio dell'Universita' della Virginia pubblicato sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience. ''La nostra identita' e' in gran parte basata su quelli che conosciamo e con cui empatizziamo. Gli altri diventano parte di noi stessi'', ha spiegato James Coan, fra gli autori della ricerca. Gli scienziati hanno scansionato con risonanza magnetica funzionale per immagini 22 giovani volontari mentre erano sotto la minaccia di ricevere scosse elettriche lievi, loro oppure un amico o un estraneo. Come ci si aspettava, che le regioni del cervello responsabili della risposta alle minacce - l'insula anteriore, lo striato e il giro sopramarginale - si attivavano sotto la minaccia di scossa. In caso di minaccia di scossa a un estraneo, il cervello in quelle regioni era poco attivo.  Tuttavia, quando la minaccia riguardava un amico, l'attivita' cerebrale dei partecipanti era essenzialmente identica a quella che si registrava quando si era minacciati in prima persona. fonte agi

2015 Psicogiuridico.it. Associazione Interdisciplinare di Psicologia e Diritto - C.F. 95131130635. E-mail: info@psicogiuridico.it - Tel: 081.553.91.78 - Fax: 081.011.16.07